"Le Cognate" di M. Tremblay, con la regia di Paolo Ciotti in scena al Teatro dei Rozzi - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

"Le Cognate" di M. Tremblay, con la regia di Paolo Ciotti in scena al Teatro dei Rozzi

Domenica 2 ottobre, alle ore 21.00, nella prestigiosacornice del teatro dei Rozzi di Siena, la compagnia CLAP metterà in scena lacommedia brillante "Le Cognate" di M. Tremblay, con la regia di PaoloCiotti.

 La serata ha scopobenefico ed ha la finalità di raccogliere fondi a favore dell'AssociazioneSportiva "Le Bollicine". L'ingresso è ad offerta minima di 10 €e il ricavato sarà destinato al sostegno delle attività di RiabilitazioneEquestre svolte a favore delle persone diversamente abili dall'Associazione.

E' possibile prenotare i biglietti presso la sede, ViaFranciosa, 57, Siena, tel/fax 0577/286335, tramite mail lebollicine@yahoo.it , oppure telefonando ai numeri 347/4022311 e329/6903013.

Quattordicidonne ammaliate dall'implacabile simbolo del consumismo: la raccolta dei punti premio!
Lo strumento subdolo e insinuante del marketing che, solleticando la vocazionedel diligente collezionista con il gusto infantile del gioco, vuole convincerciche tutto è facile e tutto è regalato (sono circa 80 milioni le carte fedeltàoggi in Italia).
Ma cosa succederebbe se una donna avesse un milione di punti da attaccare suglialbum e chiamasse parenti e vicine ad aiutarla nella titanica impresa?
La commedia Le Cognate di Michel Tremblay è l'esilarante meccanismo di unaffollato incollaggio punti con contorno di invidie e facezie. Le casalinghedisperate di Tremblay spettegolano e si accapigliano, appiccicano bollini esognano lavatrici, in un crescendo di situazioni comiche che coprono baratri disolitudine e dolore.
Il testo, scritto nel 1965, negli anni del massimo impulso del consumismo, èconsiderato il capolavoro della drammaturgia canadese, per lo straordinarioequilibrio di comicità e tragedia, di linguaggio popolare e struttura moderna.
Con le sue irresistibili trovate Tremblay sa descrivere con sensibilità ilvuoto esistenziale di vite di donne, piegate dal perbenismo e dal malumore,tutte casa e chiesa e centro commerciale.