“L’Unità d’Italia valorizza le diversità” - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

“L’Unità d’Italia valorizza le diversità”

Appuntamento giovedì 10 novembre alle ore 17 ai giardini La Lizza, dove nella tendostruttura allestita dall'amministrazione provinciale per la XXI edizione della Festa del Libro Leggere è volare, la cooperativa onlus Impegno Sociale di Siena presenterà il progetto “L'Unità d'Italia valorizza le diversità”: un percorso per coinvolgere i giovani portatori di handicap psichico nei festeggiamenti nazionali del 150°.

L'iniziativa, suddivisa in tre fasi, ha preso il via lo scorso marzo con un ciclo di lezioni su argomenti risorgimentali e uno spettacolo musicale di canti popolari toscani; è proseguita il 3 - 5 maggio scorsi con un tour storico che ha toccato Genova, Quarto dei Mille, Reggio Emilia, Ravenna, le Valli di Comacchio e, adesso, si concluderà giovedì con un appuntamento, aperto alla cittadinanza, per presentare “Sogniamo l'unità del mondo”, un libretto e un DVD, a cura di Roberto Mancini, foto e grafica di Roberta Nicolò, che illustrano le finalità del progetto, realizzato con il contributo dell'assessorato alla cultura dell'amministrazione provinciale, la Chianti Banca, Kedrion SpA di Castelvecchio Pascoli e la Camera di Commercio di Siena. La serata sarà allietata dai canti popolari del gruppo musicale “Dal Nostro Canto”.

Nella elaborazione dell'iniziativa una particolare attenzione è stata data al concetto di patria. Come ci insegna la storia, infatti, in suo nome sono state giustificate guerre e genocidi, ma nella sua accezione positiva significa appartenenza, amore verso quella comunità con cui condividiamo un territorio, una lingua, cultura e tradizioni. “Una celebrazione, come ha detto lo stesso Mancini - responsabile del progetto - in sintonia con la consapevolezza di appartenere ad un'unica razza (quella umana), di co-abitare l'unico pianeta che è stato dato a tutti gli uomini (nessuno escluso) e la convinzione che la vera ricchezza consiste nell'abbracciare (non nel cancellare) la varietà delle differenze”.