“Caminante no hay camino, se hace camino al andar” - Comune di Siena

Vai ai contenuti principali
 
 
 
Logo Comune di Siena
 

“Caminante no hay camino, se hace camino al andar”

“Caminante no hay camino, se hace camino al andar” è con questo slogan che si apre un nuovo anno di attività per il Centro Culture Contemporanee Corte dei Miracoli di Siena e che ha presentato alla stampa i progetti 2011/2012, stamattina 20 settembre presso la sede di Via Roma, 56.Una frase che sottolinea la necessità di intraprendere, specialmente in questo momento storico, un percorso comune che non è già stabilito, ma che va costruito passo dopo passo, con il contributo e l'impegno di tutti.
Hanno presentato le attività la presidente dell'Associazione Maresa Moglia e Mariapiera Forgione, responsabile comunicazione: Una struttura complessa e articolata, quella della Corte dei Miracoli che, seguendo i principi di tutela dei diritti di cittadinanza, di rispetto per le culture altre e con l'idea di favorire e garantire il dialogo e l'integrazio ne, cerca di perseguire questi obiettivi attraverso attività di supporto alle fasce deboli della popolazione, di crescita for mativa e culturale. […] Uno spazio della città e per la città, aperto al confronto e alla condivisione delle esperienze.Tante le attività e i progetti per il 2011/2012, nati anche dal bisogno di rispondere alle richieste dei soci che, negli anni, è andato sempre più differenziandosi per età e interessi.La Corte dei Miracoli, infatti, non è più soltanto uno spazio per i giovani, ma ha visto crescere tra i suoi soci gli over 30 e i bambini, segno evidente del riconoscimento di uno spazio per tutta la famiglia.Accanto alle cinque residenze artistico/culturali, verranno attivati nuovi corsi e laboratori sia per adulti che per bambini. Sempre in ambito formativo, ma direttamente collegato a esigenze sociali del nostro territorio, le attività della neo-costituita associazione S.C.U.O.L.A., con i corsi di lingua e cultura italiana per migranti e altri progetti che mirano a far acquisire ai nuovi cittadini la conoscenza della lingua e del contesto sociale. Partendo dal concetto che conoscere la lingua e la cultura del paese d'arrivo costituisce uno dei primi passi verso un'integrazione paritaria e consapevole, ma che sia anche fondamentale la condivisione di attività complementari per favorire l'integrazione e l'aggregazione, saranno attivati il Tandem Linguistico, il progetto “Prime Persone: Racconti di altri mondi in terra di Siena” e la terza edizione di “A scuola di cittadinanza” un percorso formativo di storia, educazione civica, arte e cultura, salute e prevenzione per i nuovi cittadini.Sempre in ambito sociale troviamo l'ambulatorio medico per migranti e lo sportello della Rete di Solidarietà, gestito dall'omonima associazione, per l'ascolto e l'ideazione di percorsi personalizzati di sostegno per i soggetti con difficoltà.Ma molte sono anche le realtà con cui negli anni sono nate iniziative e percorsi comuni: solo per citarne qualcuna l'associazione Riabilita ONLUS, la comunità Nigeriana, il Circolo dei Sardi Peppino Mereu, la Chiesa Battista, la Comunità Peruviana a Siena...E' possibile garantire la gratuità delle attività sociali, grazie al sostegno di enti e Istituzioni del territorio e all'impegno di volontari.
Sul versante artistico/culturale, la Corte dei Miracoli si propone come luogo delle sperimentazioni, particolarmente attento alle commistioni tra linguaggi e a progettualità che guardino con attenzione alle culture altre e particolarmente sensibili ai temi di interesse sociale. Spettacoli teatrali e di danza, mostre ed esposizioni, serate musicali e proiezioni di film … per una stagione che da ottobre a giugno vedrà protagonisti artisti del territorio, ma anche del contesto nazionale e internazionale.Il cartellone complessivo degli eventi, I miracoli della Corte, include al suo interno la rassegna teatrale del progetto regionale Libero Circuito e una stagione musicale che, da quest'anno, vedrà la direzione artistica di Carlo Simula per una programmazione tutta all'insegna della qualità e della varietà.Ad aprire questo anno due eventi molto particolari in cui viene fuori in maniera evidente la capacità della Corte dei Miracoli di far interagire i diversi ambiti in cui si trova ad operare:sabato 1 ottobre, salirà sul palco Bibish Mola, artista reggae togolese di fama internazionale per un concerto organizzato in collaborazione con l'associazione Difezi che ha l'obiettivo di raccogliere fondi per la ricostruzione di una scuola in Togo.Martedì 4 ottobre il cortile Livi ospiterà il danzatore Giorgio Rossi con i ragazzi del progetto Diversamente in scena, un viaggio-spettacolo sulle differenze come valore, che vedrà protagonisti un gruppo di ragazzi diversamente abili che hanno partecipato al progetto a Roma. La giornata è realizzata in collaborazione con l'associazione Neverland, l'isola che non c'è che nel pomeriggio darà dimostrazione di judo adattato.“L'Amministrazione comunale guarda da vicino e con attenzione alla Corte dei Miracoli, sottolinea l'assessore alle politiche sociali Anna Ferretti - un laboratorio interessante in cui si lavora a percorsi di crescita integrata e dove l'aspetto culturale e formativo può aiutare a superare situazioni sociali difficili. Con gli auguri di inizio attività l'assessore ha concluso assicurando il sostegno ideale dell'amministrazione, nonostante le difficoltà economiche che stiamo affrontando.  Info: www.lacortedeimiracoli.org , uffstampa@lacortedeimiracoli.org , 057748596